Archivi categoria: Salute

impianto

Tutti i vantaggi dell’implantologia dentale

I vantaggi dell’implantologia dentale sono parecchi, ed in questo articolo vediamo di spiegarli, precisando, come prima cosa che si tratta di una tecnica che viene utilizzata nei casi di edentulia, totale o parziale, ovvero, laddove si verifica la perdita di uno o più denti. Sono altrettanti i motivi relativi alla caduta dei denti, per la maggior parte si tratta di fattori meccanici, come i traumi facciali o gli incidenti, per arrivare fino a patologie degenerative del cavo orale (si pensi soprattutto alla parodontite). Non dobbiamo poi dimenticare che gran parte della popolazione è affetta da agenesia dentale genetica,l’assenza di un dente determinata geneticamente.

I benefici dell’implantologia dentale

L’implantologia dentale, come specifica l’esperto in materia Michele D’Amelio, riferita alla perdita di denti non è un fatto puramente estetico: l’edentulismo va a disturbare anche il processo di digestione. La mancanza di uno o più denti compromette la corretta triturazione del cibo. Ma la mancanza di determinati denti favorisce il riassorbimento osseo mascellare e mandibolare ed influisce negativamente sulle abilità di pronuncia. Cerchiamo però di capire perchè proprio questa tecnica è da preferire ad altre soluzioni.
Con i moderni protocolli chirurgici di implantologia dentale, il trauma chirurgico è ridotto al minimo.
In alcuni casi è possibile utilizzare la tecnica di impianto a carico immediato, che permette di posizionare il nuovo dente – o i nuovi denti – nello stesso giorno dell’intervento.
A seconda di ogni singolo caso, il dentista considera un numero diverso di impianti e materiali differenti, assolutamente biocompatibili, per limitare il rischio di rigetto.
L’implantologia dentale permette di ripristinare la corretta masticazione del paziente senza dover rimuovere le protesi tenendo sotto controllo l’eventuale rischio di infiammazione. Inoltre viene eliminato il problema dell’assorbimento osseo tipico delle protesi mobili.
L’ implantologia dentale dura a lungo: gli impianti curati adeguatamente, durano diversi anni senza dare nessun tipo di problema.
Quando un dento perso non viene sostituito in tempi brevi, i denti adiacenti tendono a spostarsi verso il vuoto compromettere l’intera arcata dentale.
Le soluzioni di implantologia dentale migliorano il benessere del cavo orale, e comportanto tanti altri benefici. E’ però fondamentale affidarsi ad un dentista specializzato, un professionista che sappia prendersi cura di ogni singolo caso, offrendo al paziente anche la possibilità, prima di tutto, di capire e di confrontarsi, chiarendo eventuali dubbi, con risposte e spiegazioni che il paziente stesso è in grado di capire, rassicurandolo qualora ce ne fosse bisogno.

calvizie

Come combattere la caduta dei capelli

La caduta dei capelli è sinonimo di calvizie, e riguarda si l’universo maschile che quello femminile anche se occorre fare una distinzione tra caduta patologia e caduta fisiologica.

La caduta fisiologica dei capelli è naturale, il capello nasce, cresce, cade e si rinnova. Non necessariamente in tempi brevi, un ciclo può durare anche anni.

Come si comprendere se la caduta del capello è fisiologica o patologica?

Per capirlo occorre sottoporsi ad un esame del capello chiamato tricogrammain grado di fornire informazioni sul tipo di caduta e sulla regolarità di questa.

Non bisogna spaventarsi quando si perdono i capelli durante il cambio di stagione, ovvere in autunno e primavera, perché è un processo naturale, ciò non toglie però che il capello abbia comunque bisogno di un aiuto esterno.

Gli uomini e donne perdono i capelli in egual modo?

Possiamo dire di sì in linea generale, anche se l’alopecia è sempre stata attribuita agli uomini.

Caduta capelli: le cause

Le cause della caduta dei capelli sono tante e soggettive. Uno dei fattori è lo stress, seguito da una dieta scorretta. Anche il fattore ereditario è molto determinate. Perdere i capelli può essere anche una questione ormonale. Non sono da escludere nemmeno le micosi. Anche i farmaci incidono sulla caduta dei capelli. In primis la chemioterapia.

La caduta dei capelli: i sintomi

I sintomi evidenti corrispondono a: stempiamento, diradamento, capelli fragili, chiazze prive di capelli, associata alla seborrea o dermatite si hanno anche arrossamento della cute, forfora e prurito.

Come evitare la caduta dei capelli

seguire una dieta sana ed equilibrata fatta di alimenti ricchi di vitamina A e B, silicio, proteine, ferro, calcio;

eliminare quotidianamente polvere e sporcizia con una spazzola;

lavarli spesso con acqua tiepida prima di fare lo shampoo, massaggiare il cuoio capelluto e risciacquali sempre due volte con acqua pulita;

non pettinarli quando sono umidi poiché sono ancora molto più fragili e delicati;

utilizzare le dita o un pettine di legno a denti larghi per evitare di formare nodi;

usare balsami e prodotti specifici per proteggerli e mantenere pettine e spazzola puliti;

usare prodotti protettivi con filtro UV;

limitare l’uso di piastre roventi e tenere bassa la temperatura durante l’asciugatura

Per problemi di calvizie precoce e diradamento oggi si ricorre ad esami non evasivi quali la tricoscopia o dermatoscopia applicata al cuoio capelluto, attuabile anche con l’handyscope un dermatoscopio manuale con applicazione sull’iPhone, che permette di capire se siamo di fronte a una caduta temporanea o a una vera condizione di alopecia. Ultima ratio, l’utilizzo di una protesi di capelli naturali.

Tricogramma

Si tratta di una semplice analisi del capello al microscopio che valuta la quota del capello in crescita e quella in caduta e sulla base di tale rapporto è possibile stabilire il  passaggio da una condizione fisiologica verso una condizione patologica. Per le diagnosi invece, di patologie complesse, si interviene mediante la biopsia del cuoio capelluto. In alcuni casi si interviene con un’ecografia tiroidea per valutare eventuali alterazioni che possono rendere i capelli secchi e sfibrati, e quindi più fragili. Nel caso delle donne, si può ricorrere a un’ecografia ovarica per valutare eventuali problemi tricologici legati  a un eccesso di sebo e di forfora causati dal cattivo funzionamento di alcune ghiandole.